venerdì 2 maggio 2008

Il Braghettone


Daniele da Volterra, amico e emulatore di Michelangelo Buonarroti, fu chiamato dalla censura della Santa Sede a coprire, nel 1564, le nudità di santi e dannati nel famoso affresco del Giudizio Universale. Dato che non solo apparivano indecenti i corpi nudi, soprattutto dei santi, ma anche certe ardite posture, il Volterra fu costretto a ridipingere anche qualche personaggio come nel caso del gruppo di Santa Caterina e San Biagio. Secondo la censura infatti, il San Biagio piegato alle spalle della Santa nuda, poteva dare facilmente adito a malintese interpretazioni. Fatto è che da allora Daniele da Volterra verrà ricordato con il nomignolo di Braghettone perché coprendo con drappi vari le scandalose nudità, aveva fornito secondo la voce popolare, di braghe i personaggi del Capolavoro di Michelangelo.

Nessun commento: